Digita per cercare

Mondo

Spagna insorge contro il torero che ha asciugato le lacrime del toro – Video

Condividi
torero

Il torero José Antonio Morante Camacho, nell’ultima corrida, ha compiuto un gesto destinato ad entrare nella storia.

Dopo la corrida dello scorso 12 Maggio, celebrata all’interno della Feria de Sevilla, Morante de la Puebla (nome d’arte di Camacho) ha scatenato l’ira dei social.

La tauromachia in Spagna è considerata patrimonio culturale del paese, nonostante questo le polemiche sono state feroci.

Episodi come questo stanno spingendo gli spagnoli a disaffezionarsi dalla tauromachia, infatti gli spettacoli e le feste con tori sono drasticamente diminuite negli ultimi anni.

Il torero, il toro e il fazzoletto

Il video che riprende il gesto di Morante è diventato immediatamente virale e ha scatenato gli utenti del web.

«Sfiora la psicopatia», «Un’ulteriore mostra di sadismo ripugnante», «Torturatore», «Ipocrita» questi sono una parte degli insulti rivolti a lui e alle corride.

Durissima anche la dichiarazione della rappresentante del Partido animalista contra el maltrato animal, Silvia Barquero:

Solo una mente contorta e perversa sarebbe capace di torturare un animale fino a fargli scorrere il sangue sulle zampe e pulire con un fazzolettino un briciolo della sua faccia“.

La dichiarazione si riferisce a Camacho che di fronte ad un animale ferito, stanco e sanguinante, ha estratto un fazzoletto e gli ha asciugato le lacrime.

Questo gesto sarebbe dedicato al torero Joselito el Gallo, considerato il re dei toreri degli anni venti che morì nella Plaza incornato da un toro.

Il Comitato dei Diritti dei Bambini dell’ONU ha raccomandato alla Spagna di proibire le corride ai minori per gli effetti tragici che potrebbero avere su di loro.

Ti potrebbe interessare anche Cellulari ai bambini: ecco a quale età si può dare e per quante ore al giorno

Possiamo consigliare un film molto bello sul tema, da guardare in famiglia con i vostri bambini, che tratta in maniera sensibile e corretta il tema della corrida: Ferdinand.