Digita per cercare

Scienza e Ambiente

Pollack, lo scienziato che ha scoperto l’acqua EZ: il quarto stato

Condividi
acqua ez

L’acqua è fondamentale per la nostra vita e oggetto continuo di studio per le sue proprietà, come quelle scoperte dal Dr Gerald Pollack, presenti nell’acqua EZ.

Nessun altro composto è come l’acqua e per questo molti scienziati dedicano la vita a studiarla per le sue caratteristiche uniche.

Uno di questi è il dottor Gerald Pollack, professore di bioingegneria all’università di Washington, che ha fatto una straordinaria scoperta sull’acqua.

Dai suoi studi è emerso che oltre ai tre stati comunemente conosciuti (solido, liquido e gassoso), l’acqua ha un quarto stato che si colloca tra quello solido e quello liquido.

Il dottor Pollack l’ha denominata acqua EZ, cioè della Zona di Esclusione, perché si ottiene quando l’acqua si ordina in modo particolare nelle interfacce.

In pratica i ricercatori hanno scoperto che l’acqua, vicino a superfici idrofile (cioè affini all’acqua), si divide in due strati tra i quali si determina una zona da cui sono allontanate le sostanze disciolte nel liquido.

L’acqua EZ è stata studiata con vari metodi che hanno portato alla conclusione che la zona priva di soluti è una fase fisicamente distinta e ordinata dell’acqua, simile a un cristallo liquido, che si ottiene grazie all’energia radiante (luce, calore, ultravioletto).

Non è solo ordinata ma ha anche una carica negativa che è opposta a quella dell’acqua adiacente. Così si crea una specie di batteria.

Acqua EZ e quarta fase: applicazioni

C’è ancora molto scetticismo su questa scoperta in campo scientifico e molti altri studi sono stati intrapresi. Il dottor Pollack però ha individuato dei campi di applicazione che sta studiando.

Acqua potabile. Come abbiamo visto, nella zona di esclusione l’acqua EZ allontana i sali disciolti e i soluti. In questo modo si crea una desalinizzazione e una filtrazione naturale dell’acqua con l’utilizzo della sola energia proveniente dalla luce incidente.

Energia rinnovabile. La zona di esclusione è caricata negativamente, mentre la zona adiacente è caricata in modo opposto. Quindi è come se si costituisse una batteria dalla quale possiamo prelevare energia.

Salute. Ancora sono in corso studi che determino il reale effetto sulla salute dell’acqua EZ. Pollack ipotizza, che essendo l’essere umano formato per la maggior parte di acqua, ed essendo presenti molte interfacce nel nostro organismo, la scoperta di questa quarta fase potrebbe diventare importante.