Digita per cercare

Italia

Professionista contro Conte: «Se io fallisco, fallisci anche tu» – Video

Condividi
professionista contro conte

Ancora uno sfogo, l’ennesimo, da parte di un libero professionista contro Conte e le misure adottate dal Governo per far fronte alla crisi. 

“Ecco la sorpresa di oggi, caro presidente Conte: la lettera dell’avvocato dei proprietari di casa, che mi dice di dover lasciare l’immobile. Se io fallisco, fallisci anche tu”.

Sono le parole di Luca Asaro, uno dei tanti liberi professionisti che si stanno lamentando delle misure adottate dal Governo per fronteggiare la crisi determinata dal coronavirus.

L’imprenditore afferma di voler pagare l’affitto della casa in cui vive. Mostra l’email nella quale dice ai proprietari che sta attraversando un momento di crisi devastante ma loro hanno risposto che non possono concedere la sospensione.

Libero professionista contro Conte si rivolge a Mattarella: “Mandatelo via”

“Di questo problema devi fartene carico tu” – rivolgendosi a Conte. Sono parole forti quelle di Luca, dettate certamente da una situazione molto critica che riguarda tantissimi altri liberi professionisti.

“A me sono arrivati i 600 euro ma che ca**o ci faccio? Chi mi paga l’affitto dei negozi che dovrei riaprire? Chi mi dà 400 euro per sanificare i negozi? Ho l’affitto di febbraio, marzo, aprile, quello di maggio. E poi ci sono le bollette insolute”.

Per l’imprenditore dev’essere il Governo a farsi carico di questi problemi: “Le tasse le ho sempre pagate, adesso vi fate carico voi di questa roba qua”.

Per Asaro non c’è nulla di concreto che il Governo abbia realmente fatto per aiutare i liberi professionisti: “Mi avete distrutto tutto, mi state distruggendo la vita, maledetti, vigliacchi! Se devo pagare loro – i padroni di casa – non riesco a far mangiare mia figlia”.

Poi si rivolge al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: “Fate qualcosa, mandatelo via – parlando di Conte – mettete qualcun altro. Vi ho mantenuto per 40 anni, ho fatto di tutto”.

Nel video Luca appare visibilmente stremato e arrabbiato. Conclude rivolgendosi al presidente del Consiglio: “Se io fallisco fallisci anche tu. Risolvi questa situazione. Mi avete stancato, vigliacchi”.