Digita per cercare

Stranezze

Il meglio del coronavirus: dalla birra all’avvertimento della Madonna

Condividi
psicosi da coronavirus

Siamo alla follia, vi prego, fermiamoci e iniziamo a ragionare. Quello che sta accadendo in questi giorni è roba da non credere: siamo in piena psicosi da Coronavirus.

A Terni una giovane coppia è stata aggredita verbalmente mentre stava facendo la fila alla cassa di un supermercato. Il motivo? Il ragazzo aveva tossito e un signore, sulla sessantina, ha pensato bene di chiamare i carabinieri.

A proposito di supermercati: perché nelle zone senza alcuna emergenza le persone si fiondano a svaligiare i supermercati?

Vogliamo parlare degli sciacalli che hanno cercato di lucrare su mascherine e disinfettanti? E quelli che si sono finti operatori sanitari per rubare negli appartamenti?

Psicosi da Coronavirus

Per non farci mancare nulla, ci sono anche persone disposte a spendere 190 euro per una mascherina griffata: il fatto che non serva praticamente a nulla, è secondario. Parliamo di un prodotto della Fendi, andato Sold out in due giorni. Si, avete capito bene: Sold out in due giorni.

Questa psicosi da coronavirus sta facendo molti più danni che morti. Pensate che la nota birra Corona, in quest’ultima settimana, ha perso l’8% in borsa. Ci rendiamo conto? La birra Corona…

Ecco, se a tutta questa follia potessimo contrapporre una politica seria, un scienza univoca, una chiesa pronta ad aiutare il prossimo, sarebbe già una consolazione. E invece…

Il governo italiano fa a pugni con l’opposizione e i virologi vanno in tv a dire cose diverse l’uno dall’altro, finendo addirittura per litigare (è anche vero che quando c’è Burioni di mezzo ci sarebbe da stupirsi del contrario).

E va bene, direte voi, almeno abbiamo la Chiesa, che ci fa sentire amati e voluti bene da Nostro Signore. Eh no, cari fedeli, ecco che arriva Padre Livio su Radio Maria, secondo cui il Coronavirus “è un avvertimento della Madonna di Medjugorie per gli infedeli”.

Come non detto. Un suggerimento: più che provvedere a nuovi posti letto in ospedali da campo, perché non iniziamo a pensare seriamente alla riapertura dei manicomi?