Digita per cercare

Costume e Tempo libero

Pulire la lavatrice: farla tornare come nuova eliminando cattivi odori e muffa

Condividi
pulire la lavatrice

È uno degli elettrodomestici che utilizziamo di più e per questo è molto importante pulire la lavatrice periodicamente per mantenere una buona igiene.

La lavatrice permette lavaggi più rapidi e sicuramente meno faticosi del classico lavaggio a mano: quale donna non la ama?

Ma ogni quanto curiamo l’igiene del nostro elettrodomestico? Per ottenere un bucato perfetto e pulito è necessario pulire periodicamente la lavatrice.

Residui di sapone, acqua, sporco e calcare, oltre a favorire la formazione di cattivi odori, possono contribuire alla comparsa di muffa. Ecco come far tornare come nuova la lavatrice.

Come pulire la lavatrice in modo efficace

Avere una lavatrice in buono stato e pulita è fondamentale non solo per l’igiene ma anche per un funzionamento ottimale e duraturo nel tempo.

Trattamento anticalcare e disincrostante. Uno dei problemi a cui dobbiamo prestare maggiore attenzione è l’accumulo di calcare. È consigliato fare un lavaggio a vuoto con acido citrico una volta ogni uno o due mesi.

Basterà aggiungere una soluzione composta da un litro di acqua e 150 -200 gr di acido citrico nella lavatrice e avviare il lavaggio.

Eliminare il cattivo odore. Quante volte vi è capitato di sentire cattivo odore nella lavatrice? Prima cominciamo con le buone abitudini.

Dopo ogni ciclo di lavaggio è meglio non lasciare i capi troppo tempo dentro la lavatrice ed è importante non chiudere mai completamente l’oblò in modo da permettere la totale asciugatura.

In alternativa possiamo effettuare una volta al mese un lavaggio a vuoto a temperature superiori ai 60°C aggiungendo un bicchiere di aceto nella vaschetta. Non abusare di questo procedimento in quanto l’acidità dell’aceto potrebbe rovinare alcuni componenti della lavatrice.

Come rimuovere e prevenire la muffa. Il cattivo odore potrebbe indicare anche la formazione di muffa all’interno della lavatrice. In questo caso si può intervenire con il bicarbonato di sodio che dovrete cospargere sia sulla guarnizione, sia su altre parti facilmente raggiungibili.

Inumidite leggermente per formare una crema e lasciate agire almeno un’ora. Trascorso il tempo munitevi di una spazzolina e completate la rimozione di muffa e sporco.

Se la vostra lavatrice è soggetta alla formazione di muffe, oltre a mantenere aperto l’oblò a termine lavaggio procedete asciugando bene guarnizione e bordi.

Pulizia degli altri componenti

Guarnizione e vaschetta. Basterà semplicemente usare acqua calda e bicarbonato e strofinare bene fino alla completa rimozione di macchie di detersivo, ammorbidente o muffa.

Pulizia del filtro. È qui che si deposita tutto lo sporco, quindi è importante una volta al mese pulire il filtro passandolo sotto l’acqua corrente e, aiutandosi con una spazzolina, eliminare i residui di sporco. In caso di calcare mettetelo in ammollo in una soluzione di acqua (900 gr) e acido citrico (150 gr).

Sportello e oblò. Per la pulizia dello sportello sarà sufficiente usare acqua e un po’ di sapone di marsiglia e poi risciacquare. Successivamente passate un panno in microfibra.

Invece per l’oblò in vetro possiamo usare i classici prodotti per i vetri che utilizziamo per la casa oppure un panno inumidito con una soluzione di acqua e aceto.

Cestello lavatrice. È buona abitudine pulire il cestello della lavatrice mensilmente. Sarà sufficiente introdurre nel cestello del sale grosso e procedere al classico lavaggio a vuoto.