Digita per cercare

Salute

Raro batterio uccide 12 persone, è allarme: ecco i sintomi

Condividi
raro batterio

Le autorità sanitarie mettono in guardia la popolazione a causa di un raro batterio che ha già fatto 12 vittime nel Regno Unito. Come riconoscere i sintomi?

Nell’Essex è scattato un vero e proprio allarme e si parla già di epidemia; 32 i casi di infezione accertata di cui 12 sono morti.

Il batterio è lo streptococco invasivo di gruppo A (iGAS) che si trova nella pelle e nella gola e che in alcuni casi può rivelarsi letale per l’uomo.

Questo batterio porta diversi tipi di infezione: impertigine, febbre reumatica acuta che colpisce il cuore e le articolazioni e la glomerulonefrite post-streptococcica che colpisce i reni.

Sintomi, trasmissione e cura del raro batterio iGAS

Sintomi. Una malattia causata da iGAS provoca: febbre alta, forti dolori muscolari e in caso di ferita un rossore. Come spiega una portavoce della Sanità pubblica britannica:

«Se c’è una differenza in una ferita, quello potrebbe essere un sintomo. Esaminate i dolori addizionali, il rossore intorno all’esterno, il calore in eccesso o lo scarico dalla zona della ferita. Altri sintomi includono febbre o sensazione di malessere generale, stanchezza o perdita di appetito. Alcune persone potrebbero presentare uno solo sintomo».

L’infezione da iGAS si manifesta dopo circa 12-24 ore e può essere asintomatica o colpire gola e pelle. Altri sintomi che possono comparire sono mal di gola, ingrossamento dei linfonodi nel collo, eruzioni cutanee, mal di testa e dolori addominali.

Trasmissione. È una malattia molto contagiosa, basta uno starnuto o un bacio. Colpendo anche la pelle basta anche il solo contatto per essere contagiati, quindi bisogna prestare particolare attenzione se qualcuno presenta già i sintomi. Le persone più a rischio di contrarre lo streptococco invasivo di gruppo A sono quelle con il sistema immunitario debole, molto giovani o molto anziane.

Cura. Le infezioni causate da questo raro batterio vengono curate con antibiotici e nella maggior parte dei casi è necessario anche un ricovero in ospedale. La malattia diventa pericolosa in quanto questi batteri riescono a vivere abbastanza a lungo e riescono a raggiungere parti del corpo come sangue, polmoni e muscoli. Comunque il rischio di contrarre infezioni da streptococco invasivo di gruppo A è molto basso per la maggior parte delle persone e curabile con una cura antibiotica.