Digita per cercare

Mondo

Razzo palestinese colpisce casa, Netanyahu: ‘Reagiremo con tutta la forza’

Condividi
gaza

Stamattina alle 5:20 circa, un razzo sparato da Gaza ha colpito una casa a nord di Tel Aviv: il bilancio è di 7 feriti.

Lo ha riferito la radio militare israeliana, secondo cui sul posto tra i feriti c’è una donna anziana in condizioni serie.

È la prima volta che la zona viene raggiunta da razzi palestinesi provenienti da Gaza. Secondo la polizia, il razzo è caduto in una zona agricola a nord della città di Kfar Saba.

Subito prima dell’incontro con Donald Trump, il premier israeliano Benjamin Netanyahu afferma: “Un attacco criminale contro Israele al quale reagiremo con tutta la forza”.

Netanyahu ha deciso di abbreviare la visita negli Stati Uniti a Washington e di tornare in patria dopo l’incontro con il presidente americano.

Secondo le informazioni fornite dai soccorritori, una signora anziana è in gravi condizioni, un 59enne e una donna di 30 anni sono in condizioni moderate.

Il marito di quest’ultima e i loro figli, una ragazzina di 12 anni, un bimbo di 3 anni e uno di 6 mesi, hanno riportato lievi ferite.

Ti potrebbe interessare anche : Siamo sull’orlo di una nuova guerra nei Balcani? Ecco gli Stati coinvolti

Da Gaza nessuna rivendicazione

Nessun gruppo palestinese ha ancora rivendicato l’attacco, mentre il leader di Hamas a Gaza, Yahnya Sinwar, ha cancellato una conferenza stampa.

La leadership del movimento islamico si è nascosta all’interno del territorio palestinese in attesa della risposta israeliana.

Da sottolineare che dieci giorni fa, due razzi sparati da Gaza sono caduti su Tel Aviv senza provocare danni né feriti.

Sono stati i primi a cadere sulla città dopo la guerra del 2014 e Israele ha risposto bombardando un centinaio di obiettivi militari a Gaza.

Israele intanto ha chiuso i valichi di frontiera di Erez (persone) e Kerem Shalom (merci) con la Striscia fino a nuovo ordine.

Lo ha deciso il Coordinatore delle attività di governo nei Territori, generale Kamil Abu Rukun.