Digita per cercare

Italia

Ristoratore contro Conte: «Non potete essere così stupidi da non capire»

Condividi
ristoratore contro conte

Il video messaggio di un ristoratore contro Conte è diventato virale. Prima attacca il Governo poi chiede ai colleghi di ribellarsi: “È ora di scendere in campo e prendere in mano la situazione”.

In un video diventato virale, condiviso anche da Matteo Salvini, un ristoratore ha voluto mandare un messaggio al presidente Conte.

“Giuseppe Conte, faccio questo video per chiederti: ma veramente tu, il Governo di incapaci che presiedi e quel comitato tecnico scientifico da baraccone, non vi vergognate neanche un po’ per quello che state facendo a noi imprenditori, alle nostre imprese e ai nostri dipendenti? Veramente non vi rendete conto dell’effetto dei vostri Dpcm nella vita reale?”

Lo sfogo del ristoratore contro Conte

Il protagonista del video si chiama Simone Furlan, albergatore e ristoratore. “Non potete essere così stupidi da non rendervi conto che quando togliete la sera, che è il 90% dei nostri incassi, avete chiuso le nostre aziende”.

L’imprenditore ha raccontato di aver speso decine di migliaia di euro per mettere in sicurezza clienti e dipendenti.

“Abbiamo ridotto il numero dei posti a sedere, abbiamo fatto tutto quello che ci avete chiesto e oggi cosa fai? Fai ricadere la responsabilità di tutto questo ancora sulle nostre imprese”.

Imprese indebitate, ha specificato l’albergatore, dove ci sono dipendenti che ancora aspettano la cassa integrazione di giugno.

“Tutto questo è vergognoso. Voglio dirti che non potrai sottrarti dalla responsabilità che ti stai prendendo di far morire un sacco di imprese. Di buttare su una strada tutti quei dipendenti che dipendono da quelle imprese. Non potrai sottrarti dalla responsabilità che probabilmente avrai più morti di imprenditori che si suicideranno dei morti che avrai per Covid”.

Furlan ha chiesto a Conte di dirgli perché ha scelto di chiudere i ristoranti nonostante non ci siano stati casi di focolai mentre le metropolitane sono piene di gente.

“Tutte queste cose non le capiamo più e credo sia giunto il momento, caro Giuseppe, di ribellarci. Di scendere in piazza e venire a buttarvi via da quel palazzo dorato, dove voi prendete decisioni che massacrano la vita delle persone”.

Poi l’appello ai suoi colleghi ristoratori e imprenditori: scendere in campo e prendere in mano la situazione.

“Non possiamo permettere che uno dei migliori Paesi al mondo fallisca per colpa di quattro cialtroni che oggi sono al Governo. Vergognatevi”. Foto: Facebook