Digita per cercare

Italia

Rom offriva bimbo di due anni per soldi: il video dell’arresto

Condividi
rom

Proponeva sesso con un bambino di due anni in cambio di soldi: rom di 25 anni arrestato grazie alla segnalazione di un turista.

Un venticinquenne di etnia rom è stato arrestato dalla Guardia di Finanza mentre girava in spiaggia tenendo per mano un bambino di due anni: chiedeva ai turisti se volevano avere rapporti con il minore. 

Il fatto è accaduto domenica sul lungomare Amerigo Vespucci di Ostia, vicino Roma.  La persona arrestata era in cerca di turisti che volessero comprare sesso con minori.

Sfortunatamente per lui ma fortunatamente per il piccolo, il turista al quale si è rivolto ha subito segnalato l’episodio alle forze dell’ordine.

L’agente al ragazzo rom: “Adesso hai rotto i co***oni!”

Mentre veniva inseguito dagli agenti, il ragazzo rom ha abbandonato il bambino sul marciapiede. La sua fuga però è durata poco. I militari della Compagnia Pronto Impiego della Guardia di Finanza sono riusciti a fermarlo e ad arrestarlo.

Anche le persone presenti avevano cercato di aiutare gli agenti a catturarlo. Secondo alcune testimonianze il giovane aguzzino avrebbe anche rischiato il linciaggio da parte della folla.

Nel video dell’arresto si vede chiaramente il venticinquenne a terra e due agenti della GdF che lo tengono fermo.

“Che ti sei fumato?” si sente dire nel filmato. È probabile infatti che il rom fosse sotto effetto di stupefacenti: “Sta fatto di cocaina, guarda come sta” commenta uno degli agenti.

Il “mostro” – non potremmo definirlo diversamente – ha provato anche a opporre resistenza con gli agenti scatenando la reazione di uno dei due, che prima gli ha stretto i polsi e poi ha esclamato: “Adesso hai rotto i co***oni!”

Il bambino che era stato abbandonato è stato preso in custodia da una poliziotta e portato in ospedale per gli accertamenti del caso.

Secondo quando riportato dal Secolo d’Italia, “si indaga per capire se nei tanti campi rom di Roma si verifichino altri episodi di «vendita» di bambini, come a Ostia“. Foto: YouTube