Digita per cercare

Costume e Tempo libero

Sambuco con fiori e bacche commestibili fiorisce in questo periodo

Condividi
Sambuco

Il sambuco appartenente alla famiglia delle caprifogliaceae, di cui si usano i fiori profumati e le bacche nere mature, è il Sambucus Nigra.

Il nome deriva dal greco “sambyke” che è uno strumento musicale fabbricato con il tronco della pianta, vuoto al centro, dove si trova il midollo. Nigra significa nero, il colore delle bacche che hanno proprietà tintorie.

I fiori di sambuco svolgono un’azione antinfiammatoria ed emolliente che attenua l’infiammazione della mucosa nasale causa del raffreddore.

Stimola la sudorazione per cui è utile anche nel caso di sintomi influenzali con tosse e febbre. È un ottimo rimedio preventivo perché aiuta a rinforzare le difese immunitarie.

Svolge azione diuretica, quindi utile ad abbassare la pressione; inoltre i composti fenolici delle bacche aiutano a ridurre il rischio di infarto. Vi è anche l’azione lassativa e depurativa, e i suoi componenti contrastano osteoporosi e diabete.

Il Sambucus Nigra è un arbusto che cresce fino a 4/5 metri, i tronchi sono di tipo legnoso, con corteccia di colore grigio/marrone, i fiori di forma a ombrello sono bianchi con qualche parte sul giallo e molto profumati.

Le bacche lucide di colore scuro sono  girate verso il basso, cadono per il peso. Assolutamente da evitare di usare i semi (non bisogna schiacciarli ma eliminarli quando si fa la marmellata), perché contenenti un glicoside tossico.

Il Sambucus Nigra non è da confondere con il Sambucus Ebulus “Ebbio” con fiori e bacche  tossici. È una pianta a cespuglio con fusto erbaceo di colore verde/rossastro con costolature tendenti al grigio, raggiunge i 150 cm circa.

I fiori si differenziano un pò dal colore e dal profumo: quelli dell’ebbio sono bianchi con delle parti purpuree e hanno un odore sgradevole che ricorda le mandorle amare.

Sambuco in cucina

Le bacche, sempre scure, puntano però verso l’alto. In questo periodo è fiorito il sambuco commestibile, l’ebbio fiorisce più avanti quando il sambuco ha già le bacche.

Dal distillato di fiori con aggiunta di anice e altri aromi come menta e liquirizia si produce il famoso liquore commerciale chiamato Sambuca.

Per conservare i fiori, si possono essiccare mettendoli nell’essiccatore a 40° circa per 12 ore. Si conservano in barattoli di vetro per un anno. Tisana: un cucchiaino di fiori di sambuco essiccati in una tazza di acqua.

Ti potrebbe interessare anche: Il potere dei petali di rosa: ecco 10 modi per utilizzarli, anche sulle ferite

Sciroppo di sambuco: portare a bollore un litro di acqua, unire una manciata di fiori staccati dai tralci verdi, 2 limoni con buccia edibile tagliati a fettine, lasciare riposare 12 ore. Filtrare con un colino schiacciando bene fiori e limoni.

Aggiungere al liquido un chilo di zucchero e due cucchiai di aceto di mele. Far bollire 15/20 minuti in modo che diventi sciropposo. Invasare bollente perché rimanga sottovuoto.

I fiori freschi staccati dal gambo verde e messi in pastella di farina, zucchero e acqua frizzante, diventano ottime frittelle, con aggiunta di marmellata.

I fiori possono essere aggiunti nei pancake proteici per la colazione, unendoli a 4 cucchiai di farina integrale, 2 misurini di formula proteica e latte di soia. Si cuociono a cucchiaiate in una bistecchiera antiaderente.

Confettura

Ingredienti: 5 mele bio, 400 g di fiori di sambuco privi del tralcio verde, 200 g di zucchero, acqua qb, 1/3 di limone con la buccia.. Preparazione: mettere a cuocere le mele tagliate a pezzetti in una pentola, quasi ricoperte d’acqua.

Una volta tenere, toglierle dal fuoco, frullarle e rimetterle sul fuoco, aggiungere lo zucchero, farlo sciogliere bene e poi unire i fiori di sambuco. Portare a bollore e lasciar cuocere finchè raggiunge la giusta consistenza.

Volendo si frulla di nuovo il tutto e si trasforma in gelatina. Invasare ancora bollente in vasetti sterilizzati, chiudere bene e rovesciare qualche minuto. Devono rimanere sottovuoto.