Digita per cercare

Politica

Saviano attacca Salvini e Meloni: «Mi fate schifo». La replica

Condividi
saviano attacca salvini e meloni

Lo scrittore Roberto Saviano attacca Salvini e Meloni: “Noi non apparteniamo a voi: ci fate schifo!”. La replica di Giorgia Meloni: “Vergognati, sconfiggeremo il tuo odio elezione dopo elezione”.

Fanpage.it ha pubblicato un video nel quale Roberto Saviano accusa i leader di Lega e FDI di essere i responsabili dell’odio nei riguardi della senatrice Segre.

“Liliana Segre, vittima della shoah, è finita sotto scorta: è odiata perché ha scelto di prendere posizione. Quest’odio porta la firma di Matteo Salvini e Giorgia Meloni”.

Lo scrittore li descrive come tra i peggiori politici del nostro tempo e continua: “Parlate di prima gli italiani? Di quali italiani e di quale Italia parlate? State solo raccogliendo la bile delle persone disperate”.

Saviano attacca Salvini e Meloni, la replica di FDI

Poi va ben oltre il giudizio di colpa e passa alle offese: “Noi non apparteniamo a voi: ci fate schifo! Che ogni persona possa smontare quest’odio cercando di essere ogni giorno diverso da voi”.

La reazione di Giorgia Meloni non si è fatta attendere, ecco cosa scrive su Facebook: “Adesso basta! Saviano, ogni tua dichiarazione è un rigurgito di bile contro di me e contro tutti gli italiani che rappresento”.

Per la Meloni a vergognarsi dovrebbe essere proprio Saviano, che “coglie ogni occasione utile per dimostrare rancore e intolleranza nei confronti di tutti quelli che non la pensano come lui“.

“Continua pure con la tua rabbia, noi non arretriamo di un millimetro e continueremo a lottare per le nostre battaglie e per rendere di nuovo grande questa Nazione. Il tuo odio irrefrenabile viene sconfitto passo dopo passo, elezione dopo elezione, proprio da quegli italiani che non perdi occasione di insultare”.

E conclude: “Alla Senatrice Segre ribadisco la mia stima, il mio affetto e la mia solidarietà per gli attacchi ricevuti e per il cinismo degli sciacalli che strumentalizzano la sua storia per bieco tornaconto politico”.