Digita per cercare

Spettacoli

Scontro tra Scanzi e Sgarbi: «Faccia di m***a» – Video

Condividi
scontro tra scanzi e sgarbi

Ennesimo e sicuramente non ultimo scontro tra Scanzi e Sgarbi. Dopo la lite in tv tra il critico d’arte e Barbara d’Urso, il giornalista del Fatto invita i colleghi a non chiamare più Sgarbi in trasmissione. Vittorio non ci sta, e risponde con un video. 

“Che senso ha invitarlo ancora in tivù? Gli ascolti non li droga più dai tempi di Schillaci”. Sono le parole del giornalista Andrea Scanzi, che torna ad attaccare il critico d’arte Vittorio Sgarbi.

“Politicamente non ci ha mai capito granché. È un trasformista che in confronto Casini è Rodotà. Ed è pure vincente come Calenda. Orrendamente seviziato nel 2018 da Di Maio, un mese fa aveva promesso di condurre Berlusconi e Salvini al trionfo in Emilia Romagna: infatti ha stravinto Bonaccini”.

Scanzi parla di Sgarbi come di uno che “porta più sfiga politica del Crisantemi della Longobarda, con cui condivide peraltro la fascinosa presenza scenica”.

E continua: “Aggredisce (a parole) chiunque, dall’alto di quel bel fisicuccio da sollevatore menomato di girini morti, poi però ogni volta sul più bello scappa (con D’Agostino, con Ricca, con Mughini)”.

Televisivamente lo considera un “Bufalo Bill oltremodo presbite al tramonto, che mendica gli ultimi applausi urlando a caso e scorreggiando a comando”.

Quindi l’appello ai colleghi: “Lo so che lui l’invito lo accetta sempre, perché senza tivù non esiste, ma così passate per sadici. Sul serio: non invitatelo più. Fatelo per il nostro e vostro bene. E pure per il suo: nessuno merita una gogna simile. Neanche lui”.

Ovviamente la risposta di Vittorio non si è fatta attendere e, come sempre, mentre Andrea scrive, il critico preferisce comunicare attraverso lo schermo.

Scontro tra Scanzi e Sgarbi

“Caro abbronzato e sfigato Antonio Scanzil’errore è voluto -, caro poveretto recluso in qualche rete remota, caro invitato solo dalla Gruber, che ti vuole bene e tu la disprezzi in quanto cinquantenne… caro penoso e patetico sconfitto nel confronto con me”.

L’inizio non è molto promettente e infatti, poco dopo, risponde alle accuse mosse dal giornalista di portare sfiga. “Porta sfiga lo dici a me? Tu che hai portato sfiga ai Cinque Stelle ai quali hai leccato il c**o tutto il tempo? Ma vergognati”.

Poi sferra l’attacco dal punto di vista lavorativo: “I tuoi spettacoli vanno a vederli in quattro, i miei sono stracolmi di persone: vieni a vederli”.

Nel video Sgarbi dice di non essersi mai posto il problema di chiedere perché Scanzi fosse invitato in tv. Poi, nello spiegare perché lui viene invitato spesso, fa ascoltare un audio in cui qualcuno sostiene che il video su YouTube di domenica scorsa, in cui si scontra con Barbara d’Urso, è primo in Italia per visualizzazioni e terzo in Europa.

“Tu insisti su una sola cosa: la vecchiaia. Sgarbi non è affatto vecchio e tu non sei stato né giovane né vecchio, tu sei un povero e piccolo incapace totale. Hai portato sfiga a tutti gli sportivi di cui hai parlato, sei uno iettatore, un porta sfiga”.

Vittorio ci va giù pesante e conclude: “Tu non sei mai nato, Sgarbi è qui e tu sei nella me*da! Faccia di me*da! Mi fai pena, mi fai pietà. Giovane ridicolo, patetico, nullo, nullo, nullo”. Alla prossima puntata.

Caro, abbronzantissimo e sfigato Scanzetto, sei solo uno iettatore…

Posted by Vittorio Sgarbi on Tuesday, February 25, 2020