sfero banner
HomeNotizieShakira aggredita da una coppia di cinghiali

Shakira aggredita da una coppia di cinghiali

La superstar del pop Shakira afferma di essere stata vittima di un attacco da parte di una coppia di cinghiali mentre passeggiava in un parco di Barcellona con suo figlio di otto anni. A riportarlo è la BBC.

La cantante colombiana ha detto che gli animali l’hanno aggredita, prima di impossessarsi della sua borsa e di ritirarsi con essa nel bosco.

Mercoledì ha condiviso la sua bizzarra storia in una serie di storie su Instagram.
Tenendo la borsa ora recuperata ma strappata verso la telecamera, ha detto: “Guarda come due cinghiali che mi hanno aggredito nel parco hanno lasciato la mia borsa”.

“Stavano portando la mia borsa nel bosco con il mio cellulare dentro”, ha continuato il cantante. “Hanno distrutto tutto.”

Shakira è solo l’ultima vittima

Aiuta l'informazione libera di Oltre Tv

Shakira è l’ultima vittima di questi animali sempre più aggressivi che hanno invaso la capitale catalana negli ultimi anni.

Nel 2016, la polizia spagnola ha ricevuto 1.187 telefonate su maiali selvatici che attaccavano cani, saccheggiavano mangiatoie per gatti, bloccavano il traffico e si imbattevano in auto in città.

Nel 2013, un agente di polizia della città ha tentato di farsi carico del problema e ha sparato a un cinghiale con il suo revolver di servizio, ma ha mancato e ha invece colpito il suo partner.

I cinghiali, che possono portare un’ampia varietà di malattie, sono elencati tra le specie più invasive del mondo e possono sopravvivere in quasi tutti gli ambienti. Ma sempre più gli animali sono attratti dalle città, dove vivono dei rifiuti abbandonati dagli umani.

Il loro numero è esploso in tutta Europa, con le ultime stime che ora superano circa 10 milioni in tutto il continente.

Poiché sono diventati più aggressivi e più fastidiosi, molte città hanno impiegato una varietà di strategie per abbattere il loro numero. A Berlino i cacciatori urbani hanno ucciso migliaia di animali ma il problema persiste. Foto: Wikipedia