sfero banner
HomeItaliaSileri: «Non ci può essere un nesso tra Covid e incidente stradale»

Sileri: «Non ci può essere un nesso tra Covid e incidente stradale»

Il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri interviene sul numero dei morti da Covid-19: “La comunicazione dev’essere più precisa”.

Da quando è iniziata la pandemia si è fatta molta confusione sul conteggio dei morti. La prima difficoltà riscontrata è stata quella di provare a distinguere i decessi per coronavirus da quelli con coronavirus.

Nel bollettino quotidiano della protezione civile si è sempre parlato di morti Covid-19, specificando solo le percentuali di coloro che avevano patologie pregresse.

Sileri e le morti per Covid-19: “Più precisione”

In una recente intervista rilasciata a Radio Cusano Campus, il viceministro ha detto che la comunicazione dovrebbe essere più precisa.

Bisognerebbe, ad esempio, spiegare chi sono queste persone positive “se sono state sottoposte a screening, se sono persone che hanno fatto il test rapido e poi il tampone. E soprattutto se sono malati o sono solamente dei positivi”.

I numeri sono importanti, lo sono sempre stati e proprio per questo: “Se ogni giorno calano i ricoverati in terapia intensiva – ha detto Sileri – è lì che dobbiamo esprimere la realtà dei numeri”.

Poi riporta un esempio che rende bene l’idea di come si è scelto di agire sino a oggi sulla comunicazione, un metodo che, di fatto, giustifica l’alto numero di morti.

“Andrebbe anche visto chi è deceduto – sottolinea il viceministro – se era un paziente in terapia intensiva per un’altra ragione, e che magari aveva fatto il test perché era arrivato in ospedale”.

Poi racconta di una famiglia di due persone coinvolte in un incidente stradale e risultate positive al coronavirus. “Erano positivi e scoperti casualmente dopo un incidente stradale. La causa del ricovero è stato l’incidente, sicuramente non ci può essere un nesso tra Covid e incidente stradale”.

Quante volte sarà successo? Quanti positivi asintomatici e quanti morti per problemi non legati al coronavirus avranno gonfiato quei numeri che per mesi hanno terrorizzato gli italiani ogni giorno? Foto: YouTube

https://www.facebook.com/piersileri/videos/2588671458113342/