Digita per cercare

Le opinioni di Oltre Tv

Spende la pensione per far mangiare 25 famiglie in difficoltà

Condividi
spende la pensione

Un cittadino di San Salvo spende tutta la pensione appena ritirata per aiutare venticinque famiglie in difficoltà del suo paese. 

Le buone notizie in questo periodo ci aiutano a rimanere umani. Chiusi in casa, lontani dagli altri, molto spesso invece che solidarietà emerge in molti un lato che tende a disprezzare il prossimo.

Invece ci sono persone che non si fermano davanti a uno schermo a dire la loro ma agisco per il bene della propria comunità.

È il caso di Antonio Di Biase, meglio conosciuto da tutti come Biagino,. Dopo aver ritirato la pensione, ha deciso di spendere tutto per acquistare generi alimentari per le famiglie meno fortunate del suo paese.

Spende la pensione appena ritirata per i suoi concittadini in difficoltà

Il signor Di Biase, come riporta Vastoweb, ha provveduto a contattare i volontari della Protezione Civile Arcobaleno per poter avere una lista di famiglie in difficoltà.

I volontari si sono messi in moto subito e tramite l’ufficio delle Politiche sociali del Comune di San Salvo, si sono fatti consegnare i nominativi delle famiglie più colpite dopo le restrizioni sul coronavirus.

Antonio Di Biase, aiutato dall’amico carabiniere Raffaele Caterino, in poche ore ha preparato venticinque buste. Queste contenevano beni di prima necessità, tra cui olio, frutta, verdura pasta, zucchero, latte, scatolame e anche carne.

Hanno poi avvisato i volontari della Protezione Civile che hanno ritirato le buste per poi consegnarle alle famiglie in difficoltà di San Salvo.

Ti potrebbe interessare anche Vede la fila di persone senza soldi, ritira 10.000 $ e ne regala 100 a tutti

Le persone che hanno ricevuto il dono da Di Biase hanno apprezzato di cuore il gesto del loro concittadino che gli ha regalato un po’ di respiro in momento così difficile.

Sarebbe bello poter imitare lo slancio di altruismo del signor Di Biase, ognuno nelle proprie possibilità, per aiutare coloro a cui questa emergenza ha portato via tutto. Foto: Flickr