Digita per cercare

Scienza e Ambiente

Squalo mako nell’Adriatico: è tra i più veloci e potenti che esistono – Video

Condividi
squalo mako

Un insolito avvistamento quello fatto da due pescatori di Pescara a dodici miglia a largo della costa: uno splendido squalo mako.

Uno squalo mako è stato ripreso da due pescatori che raggiungevano “la fossa di Pescara”, uno dei punti più pescosi dell’Adriatico, dove il mare raggiunge profondità di 90 m.

È Jacopo Ippoliti, uno dei due pescatori, a pubblicare il video dell’avvistamento e nei commenti racconta l’evento:

«Ha provato a mangiare i parabordi. È andato e venuto almeno dieci volte, lo abbiamo avuto intorno per un’oretta».

Squalo mako nel Mar Mediterraneo: evento raro

Ippoliti non ha dubbi: è uno squalo mako. «Vederli spuntare dal blu è stupendo e impressionante» commenta sotto al suo video su Facebook.

Un avvistamento incredibile perché è raro trovare questo squalo nel Mar Mediterraneo essendo il suo habitat naturale molto lontano, in acque tropicali o subtropicali.

È comunemente chiamato squalo mako o mako pinna corta o smeriglio ed è tra i più veloci e potenti squali conosciuti. Rientra anche tra gli squali potenzialmente pericolosi per l’uomo.

Raggiunge velocità di 70 Km/h ed è una delle poche specie capaci di effettuare il breaching, che include salti e acrobazie, di cui ancora non si conosce lo scopo.

Lo squalo mako in particolare è in grado di balzare fuori dall’acqua fino a 5-7 metri di altezza sopra la superficie.

È uno squalo imprevedibile negli attacchi che sfrutta la sua accelerazione per catturare prede grandi e veloci come tonni e pesce azzurro. Inoltre si nutre di calamari, pesce spada e altri squali.

Questo squalo è a rischio estinzione, minacciato dalle pratiche di pesca intensiva diffuse in tutto il mondo. Spesso sono pescati per sbaglio ma invece di essere rilasciati in acqua vengono portati a riva per vendere la loro carne.

Il problema più grande per lo squalo mako è che le femmine raggiungono la maturità sessuale a diciotto anni e quindi c’è il rischio che vengano pescate prima di potersi accoppiare.

Una cosa è certa: questo incontro ha portato fortuna ai due pescatori che poco dopo hanno preso un grosso tonno rosso.

Un saluto dal Mako 😍🦈

Posted by Jacopo Ippoliti on Sunday, July 21, 2019