Digita per cercare

Notizie

St3pny, youtuber italiano multato per un milione di €: ‘non sono un evasore’

Condividi
St3pny

St3pny, un noto Youtuber italiano, è stato accusato di non aver pagato le tasse. Multato dalla Guardia di Finanzia, ecco la sua risposta.

Molte persone fanno fatica a pensare che YouTube possa essere, per alcuni, un vero e proprio lavoro in grado di far guadagnare somme da capogiro.

Si è sempre pensato al lavoro come un qualcosa dove si doveva timbrare il cartellino e recarsi in un ufficio per poter essere svolto.

Ti potrebbe interessare anche: Influencer bannata da Instagram si dispera: ‘Non posso fare un lavoro normale’ – Video

St3pny: “Esiste un buco legislativo, io sono nel giusto”

Al giorno d’oggi il mondo di Internet assorbe un grande quantitativo di lavoratori, con le mansioni più disparate.

C’è chi cura le grafiche, chi il montaggio dei video, chi la parte commerciale, alcuni vengono chiamati Influencer, altri Youtuber. Il termine esatto è “creatori di contenuti”.

Questo nuovo mercato fa girare milioni di euro con miliardi di utenti. Molti creatori hanno lasciato lavori fissi e ben retribuiti per dedicarsi esclusivamente al web.

Negli USA alcuni canali vantano più di 10 milioni di iscritti, con visualizzazioni che superano il miliardo. La situazione di Youtube Italia è nettamente diversa.

Qui il volume di spettatori è sicuramente inferiore rispetto agli standard americani, nonostante questo alcuni canali sono riusciti ad accumulare un numero di iscritti vertiginoso.

È il caso di St3pny, giovane Youtuber che fa parte del gruppo dei MATES insieme ad Anima, Surreal Power e Vegas.

Un gruppo nato per caso, un’amicizia on line accomunata dall’amore per i videogiochi è diventata un vero e proprio impero che ogni anno fattura migliaia di euro.

Negli ultimi giorni St3pny è stato multato dalla guardia di finanza per la cifra astronomica di un milione di euro. L’accusa è quella di non aver pagato le tasse.

Il ragazzo ha affidato immediatamente ai social la sua replica. St3pny denuncia la mancanza di regolamentazioni per questi “nuovi lavori” che portano poi a queste conseguenze.

Lui le tasse dice di averle pagate, se poi non le ha pagate in maniera corretta, perché non esistono leggi in merito, non crede sia colpa sua.

Sicuramente esiste un buco legislativo in merito, non è il primo Youtuber a lamentare questa difficoltà. Come al solito la linea tra mancanza e furbizia è molto sottile.