sfero banner
Home Notizie Studenti festeggiano la fine della scuola lanciando un gatto dalla finestra

Studenti festeggiano la fine della scuola lanciando un gatto dalla finestra

 

Per molti studenti da qualche giorno è terminata la scuola ma c’è chi, per la troppa enfasi, ha festeggiato lanciando un gatto dalla finestra.

Uno dei momenti più attesi con trepidazione dagli studenti è quando suona l’ultima campanella a decretare l’inizio dell’estate.

I festeggiamenti, vista l’età, possono essere molto esuberanti, ma in certi casi viene oltrepassato un limite che fa sfociare il tutto in atti di vandalismo.

È quello che è successo mercoledì scorso a Viareggio, in provincia di Lucca, dove uno o più studenti dell’Istituto Superiore d’Istruzione Carlo Piaggia hanno pensato di gettare da una finestra del secondo piano dell’edificio scolastico Alice, la gatta che da anni abita lì ed è considerata da tutti la mascotte della scuola.

Cosa abbia spinto questi studenti a un gesto così insensato non è chiaro. Per fortuna la vittima è rimasta illesa e se l’è cavata con un gran spavento.

Sulla questione è intervenuta immediatamente la dirigente scolastica, la prof.ssa Maria Rosa Mencacci, la quale, oltre ad aver denunciato l’atto, ha convocato i rappresentanti d’istituto.

Il collegio docenti, tutti i collaboratori, la segreteria, gli studenti e le famiglie descrivono l’accaduto come incivile e violento, tanto da suscitare l’indignazione pubblica.

Qualcuno ha addirittura proposto di punire i responsabili con un’estate di volontariato al gattile Asav, ma altri hanno risposto che, invece, questa punizione sarebbe un privilegio, meglio pene corporali.

Studenti e fine della scuola: c’è chi c’ha rimesso la pelle…

L’episodio accaduto a Viareggio è uno dei tanti atti vandalici con cui gli studenti, troppo spesso, festeggiano il termine delle lezioni.

A Mantova, ad esempio, c’è chi ha pensato di buttar giù dalla finestra della propria aula un banco, il tutto ripreso dai cellulari.

Quest’anno la vicenda più grave è avvenuta sulle rive del Lago di Como, dove uno studente di 15 anni è morto annegato dopo un tuffo coi compagni di classe.

La fine della scuola è sicuramente un momento memorabile ma c’è un confine per tutto. Un conto è festeggiare, un altro è danneggiare o, peggio ancora, uccidere o morire.