Il dominio e il sito oltre.tv sono in vendita. Per informazioni scrivere a [email protected].
——————————
The Oltre.tv domain and website are for sale. For information write to [email protected].

HomeAffariSuperbonus, Torella smonta Belpietro in 2 minuti: «Non capisci un ca**o»

Superbonus, Torella smonta Belpietro in 2 minuti: «Non capisci un ca**o»

Qualche giorno fa l’attore Sandro Torella ha realizzato un video di risposta al direttore de La Verità Maurizio Belpietro sul superbonus 110.

L’abolizione del bonus continua a far discutere e questa volta è il direttore de La Verità, Maurizio Belpietro, a prendere le difese del governo durante la trasmissione Diritto e Rovescio. 

Belpietro prova a giustificare l’abolizione del bonus sostenendo che “basta una riflessione banale: potete pensare che se io spendo 100 qualcuno mi restituisca 110? Cioè, è evidente che non sta in piedi!

Questa posizione fa scattare un applauso vigoroso del pubblico presente in studio. Qualche giorno dopo la trasmissione arriva la precisazione dell’attore Sandro Torella direttamente dalla sua pagina Facebook.

Torella spiega il superbonus 110 a Belpietro

In un breve video di circa 2 minuti Sandro Torella prova a spiegare il superbonus in maniera facile.

Come prima cosa evidenzia i dati raccolti da Nomisma che sottolineano come la manovra fosse un vero e proprio volano per l’economia nazionale.

Continua poi spiegando che chi accede al superbonus 110 non pesa sullo stato e quindi Belpietro viene sbugiardato.

Infatti, sostiene Torella, 110 viene diviso in 5 anni: 22 per 5 uguale 110. È uno sconto per le imposte future in 5 anni, non c’è niente da finanziare.

Il superbonus 110 nel giro di un anno triplica l’indotto, ciò significa che l’economia reale inizia a girare e lo stato ne beneficia in entrate attraverso le imposte.

Il rimborso avviene in 5 anni e su questo lo stato ci guadagna anche sugli interessi dei successivi 4 anni.

Torella poi si rivolge a Belpietro in romano: “A Belpie’, nun li sai fa i conti!“, una stoccata arriva anche al pubblico che applaude: “E la gente: bravo! Bravo ar ca**o!

Accenna poi a cosa può significare la cessione del credito: “per non parlare dell’effetto che crea la cessione del credito, una sorta di nuova moneta ma quella nun te la spiego perché se non riesci a capi’ un ca**o su du conti facili figuriamoci sulla moneta parallela“.