Digita per cercare

Multimediale

6 trucchi psicologici usati dai supermercati: se non li conosci, ti fregano

Condividi

Dopo aver scoperto questi 6 trucchi psicologici usati dai supermercati, non ti farai più fregare

Anche se non è facile ammetterlo, siamo molto suggestionabili e percepiamo inconsciamente anche i più piccoli dettagli di ciò che ci circonda. Questo comporta che le “nostre” decisioni sono spesso influenzate e non del tutto razionali.

Non c’è da stupirsi dunque se anche i supermercati utilizzino diversi tipi di trucchi psicologici per farci spendere di più. Sono piccoli dettagli che la mente razionale trascura, ma che vengono colti dal nostro inconscio.

1. Carrelli grandi affinché noi possiamo riempirli: piccola curiosità: i primi carrelli della spesa sono apparsi nel 1938 e da allora sono diventati sempre più grandi. Col passare del tempo, infatti, si è capito che più sono grandi e più la gente li riempie.

2. Il prezzo ha sempre dei nove: nonostante sia un vecchio trucco ormai noto a tutti, funziona ancora alla grande. Ecco come funziona: noi tendiamo a guardare solo la prima cifra, tralasciando i centesimi. Questo comporta che inconsciamente percepiamo che un articolo che costa 9,90 euro costi 9 euro, mentre in realtà costa praticamente 10 euro. Sembra assurdo, ma così facendo ci fanno spendere di più.

3. Veniamo attirati dai prodotti all’altezza degli occhi, sulla destra: poiché li possiamo vedere facilmente, veniamo inconsciamente attratti dai prodotti che si trovano all’altezza dei nostri occhi. Non a caso i supermercati mettono lì proprio i prodotti che vogliono farci comprare, mentre sistemano in basso gli articoli più economici, dato che non ci prestiamo molta attenzione. Un altro trucco è quello di posizionare i dolci negli scaffali più bassi, all’altezza degli occhi dei bambini. E poichè tendiamo a guardare a destra, i prodotti che vogliono che acquistiamo si trovano proprio lì.

Trucchi psicologici usati dai supermercati che coinvolgono gli altri sensi

4. I prodotti non indispensabili sono all’entrata del negozio: in quasi tutti i supermercati i prodotti non indispensabili, come ad esempio i fiori o i dolci, si trovano all’entrata del negozio. Sapevate infatti che il profumo dei fiori e quello dei dolci attivano la nostra salivazione spingendoci ad acquistare istintivamente?

5. Aumentare le vendite con la musica: non è un caso che negli ultimi anni in quasi tutti i negozi vi sia la musica. Guarda caso è stato dimostrato che il ritmo di alcuni generi musicali ci rilassano, ci fanno stare bene e ci spingono a spendere di più. Infatti non è una novità che la musica abbia un enorme potere sulle nostre menti.

6. Vicino alla cassa troviamo i prodotti più costosi e meno utili: una volta conclusa la spesa e arrivati alla cassa, ci tocca aspettare e fare la coda. È in quel momento che, magari per combattere la noia dell’attesa, osserviamo tutti quei prodotti che di solito non abbiamo in mente quando andiamo a fare la spesa. Si tratta di gomme da masticare, cioccolatini, pile e altri prodotti dai prezzi molto elevati. Tuttavia spesso ci ritroviamo a pensare che forse ne abbiamo bisogno, e a comprarli. A volte semplicemente per accontentare i bambini che ce li chiedono.