Digita per cercare

Diritto

Vaccino Covid obbligatorio? Non potranno comunque forzare chi si rifiuta

Condividi
vaccino covid obbligatorio enrico michetti

Negli ultimi giorni si susseguono le notizie sul vaccino contro la Covid insieme alle polemiche. Enrico Michetti ha spiegato cosa succederebbe in caso fosse introdotto come obbligatorio.

Dopo l’ultima richiesta speciale dell’Ue all’Ema di somministrare il vaccino a sperimentazione non conclusa, la discussione è molto accesa.

Enrico Michetti, avvocato in diritto amministrativo e professore universitario, ha parlato delle vaccinazioni non dal punto di vista medico ma giuridico.

«Obbligare a un trattamento coatto non è possibile», ha affermato con decisione l’esperto ospite a Radio Radio nella trasmissione di Fabio Duranti e Francesco Vergovich.

Vaccino Covid obbligatorio? Enrico Michetti spiega cosa potrebbe accadere

L’avvocato ha spiegato la sua affermazione con la combinazione di due articoli della Costituzione. Il primo è l’articolo 2 dove la Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo; l’altro è l’articolo 32 che sancisce il diritto alla salute.

Michetti è entrato poi nel dettaglio. L’articolo 32 specifica che nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario, «se non per disposizione di legge».

Ma questo non vuol dire che, nel caso in cui il vaccino anti Covid diventi obbligatorio, ci potranno vaccinare forzatamente contro la nostra volontà.

L’esperto infatti ha chiarito: «La costituzione dà un’ulteriore proposizione normativa: la legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana. Tra questi c’è la libertà e la consapevolezza».

Quindi se il consenso al trattamento sanitario non è libero e consapevole, non può essere imposta la somministrazione di farmaci di nessun tipo.

Quello che potrebbe succedere, nel caso in cui il vaccino contro la Covid fosse inserito tra gli obbligatori, è l’introduzione di una sanzione di natura pecuniaria o delle preclusioni nel caso qualcuno rifiutasse la vaccinazione. Un esempio è l’esclusione da asili nido o materne, come nell’attuale Legge Lorenzin.

L’avvocato ha infine insistito sul fatto che l’obbligatorietà non può imporre la somministrazione di una sostanza a un individuo che non sia d’accordo a introdurla nel proprio corpo. Foto: YouTube