Digita per cercare

Spettacoli

Vanno a vedere Annabelle 3: si accendono le luci e scopre che lui è morto

Condividi
Annabelle 3

Uno spettatore inglese di 77 anni è morto durante la visione del film horror “Annabelle 3”, la bambola assassina. Le cause del decesso sono ancora da stabilire.

Il cuore dell’uomo, che si trovava in vacanza in Tailandia, avrebbe cessato di battere durante la proiezione del film. Tuttavia nessuno si è accorto di nulla.

Non appena sono state riaccese le luci in sala, un’amica del turista britannico che era seduta accanto a lui si è accorta che qualcosa non andava.

Potrebbe interessarti anche: “Belle Delphine vende l’acqua della vasca a 30 $: la gente la sta comprando”

La donna ha lanciato un urlo, richiamando l’attenzione dei presenti in sala. I media locali raccontano che chi ha assistito alla scena è rimasto molto turbato dalla vicenda.

Il personale del cinema ha chiamato immediatamente un’ambulanza. I medici hanno constatato il decesso all’interno del cinema.

Al momento il cadavere si trova in un ospedale locale per delle analisi. Non sono ancora state rese note le cause della morte ma è escluso si tratti di omicidio.

Un film che fa morire dalla paura, o almeno così sembrerebbe. Ma non è la prima volta che accade una simile tragedia.

Annabelle 3: non è la prima volta che qualcuno muore per un horror

Altre volte, infatti, è successo che il cuore di qualche spettatore si sia fermato durante la visione di qualche pellicola horror.

Ad esempio nel 2016 un uomo indiano di 65 anni è morto di infarto mentre stava guardando “The Conjuring 2”. La cosa inquietante è che il film in questione è legato narrativamente ad “Annabelle 3”.

A quanto pare le forti emozioni potrebbero essere fatali, soprattutto per gli anziani e per coloro che soffrono di cuore.

Tuttavia il caso più famoso è sicuramente quello di Elmer C. Sommerfield. L’uomo morì in una sala cinematografica mentre stava guardando “Lo squalo”.

Alcune voci di corridoio dissero che Steven Spielberg, il regista del film, abbia commentato così: «Vuol dire che il film funziona».