Digita per cercare

Notizie

Rubano le pecore che vendevano per curare il figlio: l’appello della mamma

Condividi
gregge

Il figlio ha bisogno di cure e di essere operato per una rara malattia quindi i genitori decidono di vendere il gregge per recuperare i soldi necessari. Ma a pochi giorni dalla partenza per l’ospedale subiscono il furto di quasi tutte le pecore.

Il piccolo Salvatore di appena 4 mesi è affetto da ipotomia muscolare con sospetta sindrome di Prader Willy, una malattia genetica rara che richiede un intervento specialistico all’ospedale Gaslini di Genova.

La famiglia siciliana di fronte alla necessità di operare il figlio ha deciso di vendere il loro gregge per recuperare i soldi necessari al trasferimento.

Ma poco prima della partenza la famiglia si è trovata davanti ad una drammatica sorpresa. Dei ladri hanno portato via circa 120 delle 180 pecore del gregge, lasciando la famiglia di pastori in un’angoscia totale.

Queste persone senza cuore hanno fatto quasi sfumare l’occasione alla famiglia di trasferirsi dalla Sicilia a Genova per operare il piccolo Salvatore.

Ma dopo l’iniziale sconforto, la famiglia ha deciso di reagire lanciando un appello online per il loro bambino di soli 4 mesi.

Vendono il gregge, ma vengono derubati: il video di mamma Enza

Ha creato una pagina su Facebook che porta il nome del figlio, Montalbano Salvatore Pio dove come primo post pubblica: “Aiutatemi”

Posted by Montalbano Salvatore Pio on Thursday, November 22, 2018

Per Salvatore si sono mobilitati: la comunità ecclesiale di Montevago e Santa Margherita, molti privati, ma anche gli assessori del comune di residenza e dei comuni vicini.

Ti potrebbe interessare anche Bimbo disabile cammina per la prima volta: la reazione del terapista. Video

I carabinieri stanno lavorando per risalire agli autori del furto. Un gesto certamente inqualificabile che ha privato la famiglia Montalbano del sostegno economico per le cure del figlio.

I genitori di Salvatore sperano in altri aiuti, in quanto come spiega la mamma, oltre al trasferimento prevedono un lungo soggiorno nella città di Genova per stare vicino al piccolo.