HomeItaliaVirginia Raggi vittima di Anonymous: anche lei nella lista dei dati pubblicati

Virginia Raggi vittima di Anonymous: anche lei nella lista dei dati pubblicati

Gli hacker di Anonymous violano le mail e pubblicano i dati di 30.000 avvocati tra cui Virginia Raggi, l’annuncio tramite Twitter.

Per Anonymous si intende un gruppo o singoli attivisti che agiscono anonimamente in modo coordinato per perseguire un obiettivo concordato.

C’è chi li definisce dei pirati informatici, chi come una sorta di “Robin Hood” dell’internet che viola i potenti per aiutare il popolo.

Ti potrebbe interessare anche Incidenti metro, Taverna: «Ci danno dei complottisti ma abbiamo ragione»

Anonymous: continuano gli attacchi agli avvocati

Gli attivisti hanno hackerato la posta elettronica certificata (pec) di 30.000 mila iscritti all’Ordine degli avvocati di Roma.

I dati diffusi sono banali, ma potenzialmente molto pericolosi. Ad esempio è stata diffusa la notizia che Virginia Raggi, sindaco di Roma, non ha ancora pagato il rinnovo all’ordine degli avvocati.

Per la prima volta in Italia
persone e organizzazioni si stanno unendo
in un progetto innovativo e rivoluzionario
Unisciti anche tu, clicca qui

Interviene Antonello Soro, garante per la Privacy sul fronte della protezione dei dati e della manipolazione del consenso, che avverte: ci sono rischi per il voto.

Non è la prima offensiva di Anonymous, avevano infatti messo in guardia su “5 attacchi in 5 giorni” e fino ad ora se ne son verificati 3. Roma è il terzo dopo la pubblicazione dei dati degli avvocati di Piacenza, Caltagirone e Matera.

A darne l’annuncio su Twitter sono stati “Lulzsec” e “Anonymous Ita” aggiungendo anche il link per il download dei dati.

Ma come mai è scattata questa offensiva? L’attacco è stato dedicato alla memoria di due rappresentanti di Anonymous che furono arrestati nel 2015 : Aken e Otherwise.

Ad essere colpiti sono stati proprio gli avvocati perché “sono dalla parte di una giustizia che difende i ricchi e condanna i poveri”. Arrivano addirittura a citare Totò: “Gli avvocati difendono i ladri. Sa com’è, fra colleghi!”.

Quello che Anonymous vuole far capire è che nessuno è al sicuro, che in un mondo informatizzato come questo loro possono arrivare ovunque. È una sorta di ricatto silenzioso dalle possibili conseguenze assolutamente nefaste.